Quando il dente deve essere estratto

Estrazione di uno o più denti a seguito di malattia o incidente

Tutti vorremmo mantenere i nostri denti in buono stato fino alla vecchiaia. Può succedere, però, che un dente debba essere estratto anzitempo, per esempio a seguito di un incidente o se il dente è gravemente affetto da carie. Questo tipo di intervento vi preoccupa?

Come avviene l’estrazione?

  • Il chirurgo valuta la condizione del dente in base alle radiografie effettuate.
  • Il paziente non si accorge di nulla, in quanto l’area interessata viene anestetizzata localmente.
  • L’estrazione di un dente e della radice comporta un piccolo intervento chirurgico che consente di proteggere le gengive e preservare l’osso alveolare.

Cosa succede con il “foro” dopo l’estrazione? Vi consiglieremo sulle varie opzioni per rimpiazzare il dente nel migliore dei modi.

Rimuoviamo il dente malato.

Quando un dente malato deve essere estratto. Scoprite di più sulle varie  opzioni di anestesia.

Anestesia Citazioni

Quando si ricorre all’estrazione di un dente?

L’obiettivo comune è mantenere i vostri denti in buona salute il più a lungo possibile. A volte, la soluzione migliore per proteggere gli altri denti consiste nell’estrazione del dente malato.

L’estrazione è indicata nei seguenti casi:

  • La carie sta distruggendo il dente e le terapie conservative non funzionano.
  • Una parodontite avanzata allenta il dente a tal punto che non possiamo più salvarlo.
  • Un incidente occorso ha causato la frattura della radice dentale o un grave danneggiamento del dente.

Come si svolge l’intervento?

Il Dr. Sleiter è un chirurgo orale di grande esperienza, in grado di estrarre i denti in modo rapido, sicuro e praticamente indolore. Siate fiduciosi, presso il nostro centro dentistico di Egerkingen l’estrazione dentale è una procedura di routine.

  1. Eseguiamo una radiografia classica o, se necessario, una radiografia in 3D.
    Queste immagini ci mostrano esattamente cosa aspettarci.
  2. Tutta l’area intorno al dente viene anestetizzata.
    Durante l’intervento non sentirete quindi alcun dolore. Se preferite, possiamo operare in anestesia totale oppure optare per la sedazione con protossido di azoto.
  3. Solitamente l’estrazione richiede pochissimo tempo.
    Se il dente è integro e non molto radicato può essere estratto tutto intero. I denti profondamente radicati o fratturati, invece, devono essere segmentati prima dell’estrazione. Con questa tecnica viene preservato l’osso alveolare in modo da costituire un saldo fondamento per un successivo impianto.

A cosa dovete fare attenzione dopo l’intervento?

  • Concedete al vostro corpo un po’ di riposo. Evitate di affaticarvi e di praticare sport, perché quando facciamo molto movimento la pressione sanguigna aumenta sollecitando inutilmente la ferita fresca.
  • Per qualche ora evitate di mangiare e di bere. Nelle 24 ore successive all’intervento evitate il caffè e il tè nero, perché anche la caffeina stimola la pressione sanguigna.
  • In caso di gonfiore della guancia consigliamo di applicare degli impacchi freddi. Fate molta attenzione alla ferita quando vi pulite i denti. Una pulizia dentale accurata favorisce la rimarginazione.

I punti di sutura vengono tolti generalmente dopo 7-10 giorni. In caso di sostituzione del dente defineremo l’intera procedura in anticipo.

Scoprite di più sulle varie opzioni per sostituire il dente estratto con un impianto.

Deve essere estratto un dente?

Provvediamo all’estrazione e a sostituirlo con una valida alternativa. Chiamateci per prendere appuntamento:

Chiama ora